Ciao Medioevo, ti siamo mancati?

Ha! E io, stolta, che volevo parlare del nervoso che mi aveva messo addosso il Massimiliano Brighel che nella prefazione a Matsuri Special scrive “ai maschietti piacerà per il wrestling, alle femminucce per l’ammore”.

Volevo veramente fare polemica, io, sciocca, per una sottigliezza come gli stereotipi di genere. Volevo veramente parlare di quanto ami le cose della Kamio e perché.

yoko kamio ci confonde le idee a noi femminucce! IL GENDER!!
yoko kamio ci confonde le idee a noi femminucce! IL GENDER!!

Povera cogliona, evidentemente sarò anche io una… com’è? Una persona fragile. NO! Un soggetto fragile – persona già conferisce un po’ troppa umanità alla cosa inutile di cui si parla.

Vi invito, tutti quanti e tutte quante, a leggere quanto possibile della sentenza di qualche giorno fa relativa allo stupro di una ragazza a Firenze, in fortezza. Stupro avvenuto anni fa, gli stupratori erano stati condannati, hanno fatto appello, e la sentenza si è ribaltata.
Delle motivazioni, deliranti frutto della più retriva mentalità maschilista, bigotta e omofoba, come già tutti hanno notato la più sconvolgente è questa:
“un soggetto fragile, ma al tempo stesso creativo, disinibito, in grado di gestire la propria (bi)sessualità, di avere rapporti fisici occasionali di cui nel contempo non era convinta”.

Vogliamo fare l’analisi del testo, come alle elementari?

Il soggetto è, per l’appunto, un soggetto. Com’è questo soggetto?

1) fragile. Perché? Perché era ubriaca – ma presente a se stessa, ricordiamolo – quindi se magari ha detto no era ubriaca e non lo pensava, ma siccome ha aperto le gambe allora era presente. Essì. Troia.

2) ma al tempo stesso creativo – scusate, ma questa non la capisco. Che cazzo c’entra la creatività? Che vuol dire? Che aveva voglia di modellare dei dildo in pasta di pane e la sbronza le ha fatto confondere i piselli ritti dei tipi con dei giochini?
In realtà so bene che vuol dire (ve lo spiego: troia), ma la scelta dell’aggettivo è terribile. E sintomatica.

3) disinibito: questa è facile. TROIA. Lo sanno tutti, si scrive disinibito e si legge TROIA, ZOCCOLA DI MERDA CHE NON ASPETTAVA ALTRO CHE QUELLO.

4) il mio preferito: in grado di gestire la propria (bi)sessualità. Non commentiamo l’arguto gioco di parole, quel (bi) tra parentesi, che poi mi incazzo troppo. Facciamo finta che la parentesi non ci sia, tanto si sa che il punto è precisamente la BIsessualità. Eccerto, perché intanto se sei bisessuale hai dei problemi per forza perché non sei né di qua né di là e quindi dovresti passare la vita a tormentarti e a parlare con il tuo alter ego in cantina mentre attiri le vittime in casa (troia). Già che non ti tormenti per il fatto di essere bisessuale ma anzi accetti la cosa abbastanza tranquillamente, riuscendo addirittura ad avere una storia con una femmina e poi a convivere con un maschio è palesemente indice di squilibrio. E poi lo sanno tutti che si scrive bisessuale e si legge, indovinate un po’? TROIA.

[aggiuntina – ci sarebbe anche il punto 5), “di avere rapporti fisici occasionali di cui nel contempo non era convinta”, ma a parte che è scritto in un italiano discutibile, è un discorso talmente assurdo e contorto  creativo che non ce la posso fare.]

Insomma, a prescindere da quello che è o non è successo (e per me è successo, perché altrimenti non ti accollavi un fottutissimo processo e una denuncia penale), è la sentenza che è sconvolgente, quasi più del fatto, ed è quasi più umiliante del fatto in sé: perché è una sentenza che non parla MAI delle motivazioni dei ragazzi, ma che semplicemente analizza per lungo e per largo la condotta sessuale di una persona che si riconosce bisessuale e che è sessualmente disinibita, e di queste due cose si fa una colpa, si prende la vittima e la si riduce in polpette ripetendo il vecchio adagio:

se l’è cercata.

youre-a-whore-case-closed-slut-shaming

C’è un’altra cosa che mi sta veramente dando fastidio in questa storia, e riguarda il livello istituzionale. Dove siete, o Anna Paola Concia, o Concita De Gregorio, o donne del Se Non Ora Quando? Se non ora, quando cazzo dovete incazzarvi? Oppure anche voi  sotto sotto lo pensate anche voi, che questa zoccoletta un po’ se l’è andata a cercare? Perché le brave donne di sinistra™ non vanno mica a chiudersi nelle macchine a bere con sei maschi, loro combattono il patriarcato dando di puttaniere a berlusconi e ribadendo di “non essere come ruby”!
Dove siete associazioni LGBTQI? Guardate che quella B cagata nel mezzo alla vostra sigla significa Bisessuale, eh, e qui si è verificata un’offesa gravissima nei confronti delle persone bisessuali. Oppure sotto sotto lo pensate anche voi, che le persone bisessuali alla fine sono un po’ troie, pescano ovunque e cascano bene, e poi non sono né carne né pesce?

jm04806

Comunque sia, rimane una cosa, oltre alla rabbia, allo schifo, alla tristezza: rimane la paura.
Perché – spererei di no, ma può succedere anche a me – domani subisco uno stupro e lo denuncio, avrò pure la paura di sentirmi dire che, beh, che t’aspetti. è tutta colpa tua, troia di merda.

Annunci

8 pensieri riguardo “Ciao Medioevo, ti siamo mancati?

  1. Io non mi sono sbilanciata sullo stabilire se il fatto sia accaduto o meno, ma condivido in tutto e per tutto il tuo punto di vista: questa sentenza è uno schifo totale. Perché anche se la tipa avesse fatto di peggio nella sua vita, anche se si fosse lasciata andare a robe che avrebbero fatto impallidire De Sade, per quale motivo questo dovrebbe avere peso? Voglio dire, avrebbe peso se lei in passato avesse accusato gente random di stupro quando evidentemente non era mai accaduto (ovviamente questo non basterebbe a scagionare i sei, eh, però capirei benissimo se la cosa fosse attentamente esaminata), ma che c’entra la sua condotta sessuale ordinaria? Siccome masturbi coi piedi tossicomani senzatetto alla stazione allora un giorno se ti violentano non hai diritto a lamentarti? C’è una LEGGERA differenza fra consensuale e non consensuale. Anche perché, francamente, non è che scrivendo una cosa simile allora stai spiegando il motivo per cui una ragazza dovrebbe denunciare uno stupro non avvenuto. Perché a maggior ragione una ragazza esperta sa meglio di una ragazza inesperta cosa le piace, cosa vuole, fin dove si vuole spingere.

  2. Copio ed incolloun commento che ho fatto ad un articolo riguardante lo stesso tema nel blog “La matta del Ponte”

    ( http://www.lamattadelponte.it/la-mia-scollatura-non-e-una-scusa/#comment-11861 )

    Ciao,
    Io ho trovato un articolo interessante riguardante la vicenda (link dell’aricolo in fondo). Qui si afferma che le motivazioni della sentenza di assoluzione sia un documento di 20 pagine. C’e’ anche l’analisi, in sintesi, del documento.

    Detto che il concetto di fondo del tuo articolo non fa una piega, credo che in questo caso specifico un approfondimento sarebbe utile.

    Tra l’atro trovo abbastanza strano che dei giudici assolvano sei ragazzi solo per un giudizio morale sulla ragazza.

    Ciao!

    Ecco il link all’articolo:

    https://antisessismo.wordpress.com/2015/07/26/la-sentenza-di-fortezza-da-basso-sono-innocenti-e-la-sessualita-della-ragazza-non-centra-nulla/

    1. Grazie.
      Secondo me però non basta scrivere “al di là di giudizi morali” (e ripeto che non voglio nemmeno stare a cavillare su se e quanto fosse vera la storia), però quelle parole lì ci sono e per quanto provi a leggerle da vari punti di vista per me il senso non cambia.
      Sono parole tremende.

      Detto questo, sta cosa del mascolinismo mi sembra una trovata scema per dire ancora una volta che il femminismo è una cosa brutta e pericolosa e va in qualche modo “bilanciata” quindi permettimi di non essere troppo convinta dalla fonte :)

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...