L’immancabile polemica prenatalizia contro la Kasta e i maski patriarcali!!1

E quindi ieri Napolitano ha detto a Samantha Cristoforetti che non l’avrebbe chiamata “capitano” perché per tutti lei è Samantha.

A me questa cosa ha stonato, e ho osato dirlo a pranzo. Immediatamente Pablo e Fratello si sono inalberati. Fratello ha detto EBBASTA CON QUESTO FEMMINISMO AVETE ROTTO IL CAZZO! È SOLO MARKETING (wtf?)!
Madreh invece, una volta che ho tirato fuori la questione, era d’accordo con me. Dice se fosse stato un uomo l’avrebbero chiamato capitano e cognome.
Pablo: e ma che vuoi che sia.
E che palle e che palle.

Però in realtà io più ci penso e più trovo che la questione sia esemplare: non c’è niente di esplicitamente maschilista in questo discorso e, chiaramente, presuppongo una assoluta buonafede, per di più natalizia, da parte del Presidente della Repubblica, che è anche il capo dell’esercito. Epperò cazzo, pure se è vero che Samantha Cristoforetti è “la nostra Samantha”, il discorso è sdrucciolevole. Avrei preferito che Napolitano ponesse prima di tutto l’accento sul fatto che lei fosse capitano, alla luce poi dei commenti di merda che sono stati fatti poco tempo fa e che mi hanno in un certo modo fatto rivedere drasticamente le posizioni anche sul tizio con la camicia brutta.

Perché ho sentito che questa cosa svalutava leggermente il ruolo della Cristoforetti. Come dire machebbrava ce l’hai fatta, ora sei la nostra mascotte pucci pucci. Nel frattempo mia cugina ha detto che sembra un uomo (cosa che a me peraltro non pare, maremma troia, ma solo perché ha i capelli corti e non si trucca?).
Forse sono ipersensibile, però, ecco. Qua peraltro sono pure in un posto in cui è super easy dire “che ghei” rivolto a qualcuno usandolo ancora come insulto – bonario, eh, in famiglia – ma porca puttana anche qua, fatela finita. Ma siccome sono in minoranza perché appunto si tratta di una cosa bonaria e volemosebbene non mi azzardo nemmeno a dire una parola. Tanto più che se tirassi fuori IO l’argomento, che qua sono molto più che in the closet, ai genitori si rizzerebbero tutti i capelli, come se stessi per tirare fuori una bandiera arcobaleno e aprissi la porta per fare entrare due drag e miranda dando via a un micropride e a un mega coming out.

(intanto ieri sera ho rivisto Frozen con la scusa che la cuginetta non l’aveva mai visto, aha) (sappiamo tutti che elsa è lesbica no?).

Comunque secondo me c’è stato un lieve errore di comunicazione, che probabilmente ho avvertito solo io, ma mi ha fatto brutto lo stesso vedere un capitano derubricato, a livello ufficiale, a mascottina nazionale. Con tante lacrimucce di commozione e pace in terra agli uomini di buona volontà.
Esagero?
Non lo so. Ma così è andata.

Comunque buon natale, qua si canta e si suona e le zie in chemio sono a casa e se la ridono ma quest’anno non cucina nessuno perché i nipotini che sanno cucinare non possono osare proporlo sul serio. “ma tu SAI cucinare?”
Ennò, campo rovistando tra i bidoni della spazzatura.

Jingle bells ovunque, cose super trash come la neve di sapone sputata da un aeratore fuori da un negozio, illuminazioni cacoestetiche più o meno ovunque, alberi patchwork, #nonnino che è sempre il più forte di tutti e vabbè, it’s going to be another merry Christmas, però spero sinceramente che l’anno nuovo porti notizie migliori.

Intanto il 5 inizio a lavorare e già questa è una buonissima cosa.

Amen.

Annunci

4 pensieri riguardo “L’immancabile polemica prenatalizia contro la Kasta e i maski patriarcali!!1

  1. #nonnino mi fa morire, seguo le vostre avventure su fb!

    Ad ogni modo, io sono dalla tua parte. Non è questione di femminismo, è questione sempre di ridurre le donne a un ruole stereotipato e zuccheroso e materno in un certo senso. Lei non può essere “capitano”, no, lei deve essere la mamma, la sorella, la migliore amica di tutti noi. E, seppur convinta che le parole del Presidente fossero assolutamente in buona fede, non posso che provare un brivido nel vedere quanto sia culturalmente radicata questa visione della donna.

    (E poi ancora ‘sta storia dei capelli rossi? Madiomio, lei è una donna militare, cazzo se ne fa della chioma fluente che alla prima difficoltà le si incastra e se la strappa?! E poi davvero siamo ancora al punto di capelli cort = lesbica? E quindi, poi?)

    Un abbraccio va! <3

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...