Ok, ho riletto i vecchi racconti

…che sono del DUEMILASEI, SETTE E OTTO, gente.

E sono tremendi e quindi non vedranno mai la luce.
Davvero, fanno piangere gesoo.

10806291_837482229607538_5575449846645450790_n

Anche se ho provato una fortissima nostalgia per il periodo in cui scrivevo tanto e leggevo di più.
E poi c’era tutta una serie di richiami legati a cose che ritornano – tipo il fatto che nelle ultime storie importanti sono sempre io quella che tira fuori il momento decisivo, il “dobbiamo parlare”, in bene o in male.

Sono il turning point di me stessa.

Comunque sono felice perché in questi giorni l’internet non fa che parlare di racconti e nascono riviste-osservatori a tema e quindi succederanno cose belle, non può che essere così.
E ieri ho convinto una ragazza a comprare libri di racconti, una di quelle che i racconti non li legge perché non danno soddisfazione e io le ho fatto prendere due-dico-due libri di racconti.
Ed è successa un’altra cosa bellissima. Mi hanno regalato un libro.
Il fatto è che nessuno mi regala praticamente mai libri. O meglio: chi mi regala libri sa esattamente cosa voglio, e infatti negli ultimi anni mi hanno regalato: Superzelda e qualche altra graphic novel bellissima, Scuola di nudo che era l’unico libro di Siti che mi mancava (anche se purtroppo in edizione economica e non nel big cartonato in cui ho gli altri due della trilogia), e qualche libro di ammerigani come-piacciono-a-me. Tutti bellissimi e sono stata sempre felicissima.
Però nessuno più mi regala libri che sono stati amati e che si vogliono passare perché meritano secondo chi lo ha letto e non secondo il filtro preventivo di “sì ma lei ha studiato lettere legge come se non ci fosse un domani ed è una gran rompiballe”. Perché tutte queste cose sono vere, ma proprio per queste ragioni apprezzo tantissimo un libro regalato sapendo di camminare on the thin ice – un libro che magari mi farà schifo, ma sarà un regalo pensato per me. Perché “io ho amato questo libro e voglio che tu lo legga, voglio condividere questo momento con te“. Che secondo me è l’unica ragione per cui si regalano libri.

(sì, ok, questo comunque è un libro della madonna)
(sì, ok, questo comunque è un libro della madonna)

Questa, o la possibilità di spendere dai 50 euro in su in qualche mega libro fotografico tipo quelli della Magnum.

Annunci

4 pensieri riguardo “Ok, ho riletto i vecchi racconti

  1. Quello di Simone non è brutto.
    Magari va un po’ sistemato, ma ha un capo, una cosa e un mezzo che secondo me non era male per nulla. Poi, fai te.

    1. Io ho un problema. Non ho niente di Simone e non ricordo nessun Simone: HELP ME!
      Mandami ciò che hai, se hai, perché io veramente non lo ritrovo.
      in compenso ho riletto una cosa che invece mi piace davvero

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...