Take the long way home

ecco, io avevo scritto la sceneggiatura pensando che, beh, ecco, se la famosa-marca-di-gelati aveva una politica simile a una famosa-marca-di-pasta un’altro tipo di scrittura sarebbe stato cassato a priori e quindi ho scritto una storia tra un ragazzo e una ragazza. Poi quando sono stata selezionata e sono arrivata tra i finalisti e sono andata a parlare con quello che avrebbe girato il corto, beh, ecco, lui mi ha proposto di trasformare la storia e di metterci, beh, sì, insomma, due… due… ragazze, sì, ecco, una storia –

guarda che lo puoi dire eh

lo posso dire?

certo! dillo: UNA STORIA LESBICA.

ecco, sì, quella, quindi poi ero praticamente nel paese dei balocchi e insomma ecco qua il mio corto.

 

disse la ragazzina con la camiciona a quadri e qualche problema a dire la parola lesbiche, all’interno di un festival che ha messo l’orecchino al giglio.
Coraggio. Come si dice: it gets better.

Annunci

2 pensieri riguardo “Take the long way home

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...