TROVA IL SIGNORE PRIMA CHE LUI TROVA TE

AVVERTENZA: Questo post è sponsorizzato dalla Chiesa presbite intercostale di Montecatini.

ottavo_nano_corrado_guzzanti_024_jpg_fdrn

Pare che ci sia la MirianoKonstanza tutta incazzata perché la curia ha ritrattato la letterina che voleva la schedatura delle scuole pro gay.

Konstanza s’è arrabbiata perché dice BISOGNA FINIRLA CON QUESTA INGERENZA DELLA DITTATURA DEL GENDER DELLA LOBBI GHEI DEI FROSCI CHE VOGLIONO RIVESTIRE DI PAIETS I NOSTRI BANBINI E POI MANGIARSELI PERCHÉ OLTRE A ESSERE FROSCI SONO PURE KOMMUNISTI E LAGGENTE ODIA I COMUNISTI E AMA DIO E SOPRATTUTTO ALLA CHIESA CI PIACCIONO I BANBI-OH WAIT

L’ingerenza, dicevamo.
Ecco. Adesso mi limito a raccontare un paio di storielle.

1) Scuole elementari, non ricordo quale anno ma capirai, grandi non eravamo.
Non ricordo bene come funzionava l’ora di religione e se c’era qualche maestra apposita, non era poi così importante: io mi ricordo sta maestra, che era una vecchina gentile gentile che ci insegnava canzoni tipo “laggiù in Olanda terra di mulini | viveva Ketty fanciulla deliziosa | aveva gli occhi profondi ed azzurrini | amava il mare, gli amici e il cavalier | ZAN ZAN”  (che poi mi sa che dice altre cose). Insomma durante le sue ore, non so come e perché, venne fuori la questione della religione. In classe mia c’era una testimone di Geova; e la mia migliore amica era figlia di atei e tale si professava. A parte che della religione di Helen non ci spiegarono niente se non che non festeggiavano il Natale (NOOOO! MA NEMMENO L’ALBERO? E I REGALI?? NUOOOOO), la cosa per me indimenticabile fu l’attacco frontale alla mia amica. Presa, portata al centro della classe, costretta a ragionamenti “logici” del tipo:

GLI ATEI DICONO CHE DIO NON ESISTE E CHE L’UOMO DISCENDE DALLA SCIMMIA: MA ALLORA LA SCIMMIA CHI L’HA CREATA?

E poi i compagni di classe che a quel punto avevano avuto l’impunità e andavano a dirle robe tipo “guarda che agli atei di notte arriva la madonna e gli brucia le dita” – true story.

2) Scuole medie, credo il primo anno perché quella prof mi pare ci fosse allora

Io e la mia amica ci eravamo alleate nel Klan Komunista e Antiklerikale e avevamo chiesto l’ora sostitutiva invece di religione. Credo che solo per questo ci abbiano maledette tutti, perché probabilmente eravamo le uniche in tutta la scuola. E infatti l’ora esistette solo il primo anno, perché poi misero convenientemente religione alla prima ora esonerando noi, che ce ne andavamo al mercato (magic moment: amica di PABLO che mi vede e giustamente riporta la cosa a lui, che la sera con tono da Santa Inquisizione mi fa: FIGLIA, dov’eri stamattina? – A scuola – TU MENTI!  Tizia amica mia ha detto che eri al mercato – O PADRE, se ogni tanto ti interessassi degli orari de scuola invece di cascare dal pero ogni volta, sapresti che la prima ora del martedì è libera perché religiosers gonna religione. tiè.) (Che poi ddai, forca alle medie era un po’ prestino eh. Al limite simulavo il mal di pancia).
Comunque, non facevamo religione e l’ora alternativa era pure abbastanza figa, abbiamo imparato  un sacco di filastrocche in francese. In compenso c’era l’ora di musica: arriva la prof, un personaggio che si è rivelato alquanto squilibrato in vari modi nel corso del tempo, e fa “C’E QUALCUNO DI VOI CHE NON FA RELIGIONE?” Io e Cice alziamo la mano. “BENE, ALLORA VOI NON POTRETE PREPARARE LE CANZONI DI NATALE”

eh no perché sapete sono canzoni di chiesa e allora sarebbe ipocrita perché sono praticamente come preghiere e quindi voi non potete cantarle perché non pregate sennò la maledizione divina si abbatterà su tutti noi con tremendi fulmini e saettanti lampi e moriremo tutti e nessuno si salverà.

“ma, veramente io vado a coro da diversi anni e nessuno  mi ha mai impedito di farmi i concerti di natale e di pasqua e qualsiasi cosa in chiesa”, dissi, già vagamente incazzata (anche perché a me cantare piaceva assai).
“E ALLORA HANNO TUTTI TORTO E BRUCERANNO NELLE FIAMME DELL’INFERNO”
Non ricordo se ho cantato poi – non ricordo nemmeno se si sono davvero fatte delle canzoni di natale. Ma.

frollo

Poi ricordo che mi trovai una volta in classe durante religione (o forse la prof era venuta a fare una supplenza, non lo so) e quasi si litigò su temi di cui fondamentalmente non sapevo un cazzo, ma per partito preso non potevo lasciargliela vinta – aborto, eutanasia, la stessa esistenza di dio, non so.

3) Liceo.
Non mi ricordo assolutamente quanti eravamo in classe, ma a fare religione il primo anno erano in quattro, poi tre, poi due. E noi, prima di avere la prima ora libera, avevamo una MERAVIGLIOSA ora di buco in cui eravamo del tutto fuori controllo. Del tutto, non c’era nemmeno un bidello a darci un’occhiata ogni tanto. Aula free per l’autodeterminazione degli studenti, kazzeggio&cicchini e vario casino. Poi ci fu un’occupazione mitologica, di tre dico tre settimane. Alla seconda alcuni dei miei compagni di classe – KRUMIRIIIIII – cominciarono a cedere, e anche MADREH faceva una certa pressione su di me, quindi cedetti alle suppliche di un paio di ragazze e entrai in classe all’ora di religione.

La prof esordisce così: bene, visto che ci sono persone che non credono in dio, invece di fare la solita lezione [e qui torna pressante la domanda: ma l’ora di religione deve essere fottutissimo catechismo?] parleremo di qualche tematica più ampia. L’ABORTO. L’aborto è sbagliato, perché si ammazza una vita innocente. L’EUTANASIA. L’eutanasia è sbagliata, perché si ammazza una vita innocente.
Ogni tentativo di rispondere era soppresso dalla risposta standard della volontà divina che non avrebbe mai accettato queste bruttestorie – eccerto, però se un bambino muore prima di esser battezzato finisce nel limbo, alla faccia della pietas. Poi io e la Lotte ci incazzammo e iniziammo a ribattere e poi io mi ricordo solo che ero così arrabbiata che mi fischiavano le orecchie e me ne tornai a okkupare coi frikkettoni.

Poi ci fu quella di educazione fisica, che venne a sostituire la prima prof che era bravissima e se ci fosse stata sempre lei magari adesso sarei una persona con dei muscoli e una certa predisposizione per l’allenamento. Invece venne questa qua, fuori come un balcone (gennaio, palestra: “prof, ci sono i pinguini!!” “DOVE?”), che – anche qua in circostanze totalmente dimenticate – fece l’inchiesta su quanti di noi credessero in dio. Non eravamo tanti in classe quindi presumo fosse qualche situazione tipo assemblea di classe, che un prof in teoria doveva esserci – poi non c’era e questo causò disastri, ma è un’altra storia. Lei c’era. E non so perché venne fuori il discorso della religione, e io fui l’unica a professarmi atea convinta: non agnostica, non anticlericale, non panteista, non con dubbi. atea-senza-dio. Mezz’ora di “pèntiti!” e poi mi ricordo che si disse qualcosa del tipo ‘questa ragazza va aiutata’. Poi era così rincoglionita che se ne sarà scordata il giorno dopo, ma comunque.

frollo

4) Qualche matrimonio di Famigghia, giù in Puglia. Ovviamente chiesa, sposa in bianco, gioia e felicità, io probabilmente ero nella fase darkettona e “NON MI SPOSERÒ MAIIIIIHHH”. E niente, una prozia mi si avvicinò e disse: tu, vedi di non fare come tua madre [che si è sposata in comune in quanto Pablo è pure lui Komunista e Senzadio].

Senza contare il fatto che tuttora non posso nominare Miranda, giù, perché mia madre è cool finché questa cosa rimane più o meno ‘privata’ (“…e non andate girando facendo le fidanzatine”) ma se si scoprisse là cascherebbe più o meno il mondo. il suo.E non sono nemmeno convinta che ci creda.

E insomma, l’ingerenza, dicevamo.

Annunci

13 pensieri riguardo “TROVA IL SIGNORE PRIMA CHE LUI TROVA TE

  1. Ho la storiellina in merito da condividere!

    Noi religione la facevamo tutti perché di base non si faceva un cazzo, era un’ora in cui ci lasciavano preparare le interrogazioni per le altre lezioni. Però ogni tanto la professoressa – una cattocomunista scema ma non troppo odiosa – tentava di fare dibattito o simili. Un giorno prima di Natale attaccò un pippone sui SATANISTI, ed io, giocherellona e profittatrice dell’ingenuità altrui, iniziai a darle spago.
    Girava voce che i SATANISTI delle mie zone si ritrovassero in una chiesa romanica sconsacrata in mezzo ai monti ma vicino al paese, e attaccai con battute come “No prof, c’ha ragione, sono gente dimmerda. E poi maleducati, guardi, nel senso, se Sant’Eustachio la prenoti dalle 10 a mezzanotte significa che poi a mezzanotte la lasci pulita e via, non è che quelli che vengono dopo la trovano tutta un casino, le starò a dire con la coven non sa quanto ci siamo lamentate, arrivi là per pregare la Dea Madre e trovi sempre tutti questo sangue di gallo sull’altare, loro si professano pagani come noi ma sono solo dei violenti” e così continuo parlando di quante difficoltà ci siano nella gestione degli spazi comuni tra noi – noi chi, poi – Wiccan/Pagan/Streghe e i Satanisti. La professoressa ascolta in stato comatoso per venti minuti buoni. Io sono convinta che non abbia capito un cazzo e nel giro di poche ore scordo l’accaduto. Vacanze di Natale. Ritorno a scuola. Il 10 Gennaio la prof. di religione si affaccia in classe e chiede se posso uscire un secondo. Io, ignara, la seguo. Mi ci vogliono ben trenta minuti di un suo imbarazzato e delicato tentativo di propormi un monaco esorcista con cui parlare dei miei problemi per capire che aveva creduto a tutta la storia e ci aveva rimuginato per un mese.
    “Prof.”
    “Eh.”
    “Guardi che scherzavo.”

  2. Davvero con la Sabina avete avuto una tenzone all’ultimo sangue su KVESTIONI come l’eutanasia e l’aborto? Io ho fatto religione solo in IV, ma non me la ricordo così invasata.
    In realtà non mi ricordo quasi nulla, tranne Bronx.
    E la Mieli-risotto-ai-carciofi-poi-ci-metti-uno-schizzo-di-spumante-è-speciale ♥

  3. Io sono morta dal ridere. Ti capisco bene, comunque, non sono battezzata e sono cresciuta “senza Dio” ahahahaha! Mi hai dato l’idea per farne un post. Grazie!

  4. No, vabbuò, io sto MORENDO per il video. Gli interventi del bambino… chiamate il Telefono Azzurro, vi prego.
    La madreh la porto io a prende’ una birra (ma anche 2 o 3) così facciamo un bel discorsino.

  5. Io invece ero l’unica che in prima superiore aveva deciso di non fare religione, e la prof deputata mi guardava ogni volta che la incrociavo come fossi una marziana, con quella boccuccia un po’ aperta di stupore. Ero proprio un cruccio per lei: passava i primi minuti delle lezioni coi miei compagni a chiedersi perché mi rifiutassi. Non si dava pace porella.

    Poi fu prontamente sostituita con uno che disse in classe che gli omosessuali erano uno scherzo di natura.

  6. Io sono stata abbastanza fortunata con i prof di religione. La mia professoressa di storia alle medie (scuola pubblica), invece, era una creazionista convinta: secondo lei le scimmie si saranno pure evolute, ma noi discendiamo da Adamo ed Eva, punto e basta.

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...