Qui è dove revoco ufficialmente le ferie al mio cervello

Fino a poco tempo fa, io ero una super giga mega lettrice compulsiva. Leggevo sempre leggevo tutto. Nell’ipad ho quintali di libri caricati, in casa ho quintali di libri, in biblioteca ci sono quintali di libri e io li sfruttavo tutti.
Dice, poi per forza vuoi fare l’editor, di scrittori ce n’è pure troppi.
All’università mi sfottevano pure, perché leggevo “i libri demmerda”, ovvero la maggior parte degli stile libero einaudi o tante altre cose di giovani scrittori contemporanei italiani e non, non sufficientemente autorevoli per essere presi in considerazione.
Ci ho fatto pure la mia travagliatissima tesi magistrale, su di loro. La mia tesi senza quote rosa (questa è un’altra storia), soffertissima, faticosissima, dolentissima tesi.
Forse è per questo che, all’incirca dopo la laurea, il mio regime di lettura ha iniziato progressivamente ad affievolirsi. Mentre facevo il corso per redattore a Roma no, ma lì nel mezzo c’erano un festival di letteratura gaia da preparare (e ho letto un libro bellissimo) e poi un corso che mica cazzi, non è che potevi non leggere.
Però già lì leggevo un pochino meno del solito. Niente di disturbante, ma un pochino meno. Con meno attenzione. Non so.
A lavoro in biblioteca di Madreh avevo sviluppato la sana abitudine di leggere un libro per ragazzi a ogni pausa pranzo ed ero felice, anche perché normalmente mi toccava imbattermi in robe del genere:
20140722-151553-54953398.jpg
Lo stage a Roma, con tutti i libri che dovevo curare, mi ha fatto passare e tornare ciclicamente la voglia di leggere, oltre al fatto che ho seguito questi due qua e ne sono tanto felice
20140722-152941-55781377.jpg
E poi son tornata e magari mi sono pure un po’ depressa e non so, ma di sicuro ricordo di aver letto ben poco. Ben poco in generale, ben poco fino in fondo, e ben poco che valga la pena ricordare (sono una merda perché ho li splendido libro di Falcinelli ancora a metà e ogni volta che lo riapro lo trovo eccezionale). C’è Davide Orecchio, sicuramente, e poi? Boh? Ma where have all the good books gone? Long time paaaassing.

Ma non è colpa dei libri, è colpa mia. E quindi, con il supporto della fedele Agura Trat che mi incita a Go For It!, ho deciso di rimettermi a leggere per bene.
Partendo da un libro di quelli che ogni tanto dico “eh dovrei leggerlo ma”: il buio oltre la siepe, della signorina Harper Lee che mi piace immaginarla con le sembianze che aveva in Capote.
Al Morfodita, pagina 81 dell’edizione tascabile Feltrinelli, sono morta dal ridere e ho ricordato perché leggere è una cosa così bella. Che ogni tanto, hai voglia a dire, te lo devi proprio ricordare.

20140725-120936-43776251.jpg

Annunci

3 pensieri riguardo “Qui è dove revoco ufficialmente le ferie al mio cervello

  1. Comunque il chindol lo consiglio un monte. Nemmeno io ce l’ho (ANCORA), per ora leggo sulla applicazione dell’ipad, ma è un’altra roba davvero!

    Suggerimenti… Boh, io provo a ripartire dai classici che sarebbe il caso di (il prossimo è La signorina Else, btw), ma penso che per ognuno funzioni diversamente!

  2. Ma nemmeno io pretendo di tornare a quei livelli, ormai credo che sia impossibile con o senza l’internet.
    Però cazzo. Il cervello è una cosa che si allena, quindi lo devo fare.

  3. Io non ho mai letto come te, ma leggevo tanto. Tantissimo.
    Dalla robba demmerda a alla robba elevata.
    Quanto mi garbava perdere i pomeriggi interi a leggere.
    O passare le ore in biblioteca.
    Ora è un pezzo che non mi riesce più bene.
    Non mi piace più un cazzo.
    Mi distraggo. Io, do molta della colpa all’internet. Leggo magari un monte di articoli, ma roba lunga è difficile. E poi c’ho il check della mail del lavoro almeno una volta all’ora. Anche quando sono a casa. All’inizio dell’anno ho pure fatto il meme reading challenge qualcosa.
    Ho riempito 2 caselline su 25.
    Volevo comprare il “chindol”, per vedere se magari mi riesce meglio, ma ho paura di sperperare soldi.
    Hai suggerimenti? O mi devo arrendere?
    Il bu(i)o oltre la siepe è stupendo. Sia il libro che il film, sono bellissimi tutti e due ♥

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...