Il solito tram tram

Non riesco a non guardarmi intorno quando sono in autobus. Se non ho le cuffie, ascolto impunemente. Se le ho, guardo e invento.
Et voilà.

20140108-160900.jpg

Coppietta sui sedili in fondo. Quindici metri di lingua, poi lui la guarda: “ora capisci che ti amo?” Lei sorride teneramente.

Signora indignatissima racconta all’amica: c’erano due alla fermata che scherzavano sui numeri dell’autobus, célo manca célo manca e quando arriva uno io pensavo che dovevano salire e non salivano, allora ho chiesto scusate, salite? E loro no no, prego, ma l’autista stava già richiudendo le porte e gli ho dovuto chiedere di aprirmi.
e lui?
mi ha aperto.

“AO BBEELO MA CHE STAI A DORMI’? NUN TE VOLEVO DISTURBA’ CHE ME DEVI ESSE CARICO!”

Annunci

3 pensieri riguardo “Il solito tram tram

Dimmi tutto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...